Curiamo le persone non solo il sorriso
Curiamo le persone non solo il sorriso
Curiamo le persone non solo il sorriso
Vai ai contenuti

Gnatologia


La gnatologia è la branca dell'odontoiatria che si interessa dello studio dei rapporti dinamici tra articolazione, denti e muscoli che muovono la mandibola
Le manifestazioni cliniche sono strettamente legata alla risposta individuale.
Alterazioni dell'occlusione (perdita di denti, protesi dentarie incongrue) o della postura, possono manifestare delle problematiche a livello solo muscolare , solo articolare o in entrambi i distretti.

Alterazioni strutturale a livello articolare si manifestano nel tempo sui denti con usure, recessioni gengivali o addirittura mobilità.
Avere movimenti incoordinati determina un'attività muscolare anomala che nel tempo può causare mialgie specifiche.
La stretta correlazione fra le tre strutture (ATM, muscoli, denti) determina una certa complessità del quadro sintomatologico nella disfunzione dell'ATM; per complicare il quadro dobbiamo considerare anche la postura globale del corpo.
Riassumendo i sintomi più comuni nella disfunzione dell'ATM includono:

  • Mal di testa (spesso simili all'emicrania), mal d'orecchio, dolore e pressione dietro agli occhi
  • Uno schiocco o scatto quando si apre e si chiude la bocca.
  • Dolore quando si sbadiglia, quando si spalanca la bocca o quando si mastica.
  • Mandibole che si "bloccano" o vanno fuori posizione.
  • Debolezza muscolare, mialgie.
  • Nel cavo orale si evidenziano usura della corona, recessioni gengivali, mobilità dentali, spostamento dentale etc.

Per una corretta diagnosi bisogna valutare l'individuo e il suo equilibrio neuro-muscolare.

Tramite un'analisi posturale possiamo diagnosticare le alterazioni della articolazione temporo-mandibolare (dolori, rumori etc) come espressione e localizzazione di uno squilibrio muscolare sistemico.
Per tale motivo un approccio olistico delle articolazioni della bocca permette di valutare la persona in tutto il suo "essere" attraverso l'ausilio di metodiche mirate a individuare i muscoli mal funzionanti.

Gli esami strumentali in dotazione allo studio mettono in evidenza in maniera oggettiva eventuali rapporti occlusali patologici. Inoltre una valutazione dell'attività muscolare (elettromiografo) ci aiuta a comprendere la reale situazione posturale del sistema occlusale.

TERAPIA

I dati provenienti dalla letteratura scientifica propendono, per un approccio conservativo, reversibile, non-invasivo e non-chirurgico.
Dopo aver valutato l'equilibrio posturale si analizzano i muscoli orali e in base alla situazione si puo procedere con trattamenti iniziali con delle placche occlusali (BITE) che generano un nuovo appoggio dentale, di tipo terapeutico, garantendo una riduzione della compressione a livello articolare e conseguente riduzione della sintomatologia.
Una volta raggiunta la stabilità del risultato (assenza del dolore) nei 6-8 mesi successivi all'applicazione del bite si può intraprendere una terapia protesica o conservativa per ricreare definitivamente un piano occlusale terapeutico stabile.
Gli eventuali dolori muscolari correlati (muscolo Pterigoiedo Laterale, Massetere e Temporale) che risultano interessati da una "mialgia" possono essere risolti con i Biophotonic Patch e MPH Terapy
Sebbene non ci sia un'unica cura per la disfunzione dell'ATM, esistono vari trattamenti a cui sottoporsi per ridurne drasticamente i sintomi.

Il nostro studio tramite un approccio Kinesilogico può adottare diverse strategie:

  • eliminare spasmi muscolari e dolore mediante la Biophotonic Patch e MPH Terapy;
  • ridurre gli effetti nocivi dello stringere o digrignare i denti (bruxismo) mediante prodotti fitoterapici;
  • riposizionare la mandibola determinando un minor carico di forze all'ATM e una riduzione di tensione alla muscolatura. Questo inizialmente è possibile con un semplice bite, poi qualora la situazione clinica lo permetta con una più complessa riabilitazione occlusale.



SOCIAL
Torna ai contenuti