Curiamo le persone non solo il sorriso
Curiamo le persone non solo il sorriso
Curiamo le persone non solo il sorriso
Vai ai contenuti

Endodonzia

L’Endodonzia è la scienza medica, nell’ambito dell’odontoiatria, che ha per oggetto i tessuti interni del dente, le patologie e i trattamenti correlati.
Quando questi tessuti oi tessuti che circondano la radice dentale si ammalano o danneggiano a causa di carie o traumi, il trattamento endodontico permette di salvare il dente.

Il trattamento endodontico è un intervento odontoiatrico ambulatoriale che si rende necessario quando la polpa (il tessuto molle interno al dente) è infiammata o infetta per un danno provocato da una carie profonda, dall’esito di interventi sul dente, o da un trauma (grave e improvviso o più leggero ma ripetuto) che ha provocato frattura o scheggiatura o incrinatura profonda.

In generale l’endodonzia mira a conservare i denti che hanno ricevuto un danno grave della loro struttura che ha portato all’infezione e alla necrosi della polpa, con ripercussioni acute (ascesso) o croniche (granuloma) dei tessuti circostanti, più o meno dolorose.

La moderna Endodonzia si avvale di strumenti sofisticati per la diagnosi e la terapia:

Questi strumenti garantiscono alle nostre procedure cliniche una percentuale di successi che si avvicinano moltissimo al 100%

Le fasi per una corretta cura endodontica sono 3 ( vedi foto ):
PRIMA FASE:  allargamento e detersione del canale radicolare con strumenti in lega Nichel-Titanio accoppiati a micromotori ad alta efficienza
SECONDA FASE: sterilizzazione del canale mediante (sterildent OH 52). Grazie allo ione OH negativo, generato da una corrente  ( meccanismo d'azione - fedi foto ), avremo la sterilizzazione della radice. In superficie  avremo una schiuma di idrogeno.
TERZA FASE: chiusura del canale tridimensionale con guttaperca per sigillare il canala radicolare.



Tutte le procedure devono essere eseguite con la diga di gomma
La difficoltà in endodonzia è la detersione dei canali laterali, grazie a sterildent OH-52 possiamo risolvere situazioni cliniche molto complesse.

SOCIAL
Torna ai contenuti